La Scuola Oliver Twist per un futuro possibile


Ideare, progettare e valorizzare il talento individuale per un futuro davvero possibile: questi gli obiettivi del progetto Seguiamo La Cometa che supporta i ragazzi della Scuola Oliver Twist per l’acquisizione di competenze e abilità in un contest professionale.

N

Nell’atrio della Scuola Oliver Twist di Cometa c’è la statua di un gorilla con il dipinto della mano creatrice e una citazione di Dante appesa sullo sfondo: “Fatti non foste per viver come bruti, ma per seguir virtute e canoscenza”.

“E’ per ricordare ai ragazzi e agli adulti che siamo unici e irripetibili, che ognuno di noi ha un compito nel mondo e che ogni giorno dobbiamo scegliere di farci aiutare a diventare noi stessi e scoprire l’eccellenza che siamo.”, spiega Giovanni Figini, giovane preside di questa scuola professionale fondata da Cometa. “Gli insegnanti non si limitano a insegnare, per noi, sono maestri che introducono i ragazzi nel rapporto con la realtà.”

Nelle aule luminose ci sono armadietti e banchi di legno e metallo realizzati dalla falegnameria della scuola. Computer e lavagne avveniristiche si mescolano a colori, attrezzi da disegno e per l’intaglio. Oltre alle materie classiche, come matematica o italiano, in questa scuola che riunisce al suo interno un liceo artigianale e tre corsi professionali – legno-arredo, tessile, operatore di sala e bar – s’insegnano tecniche e mestieri antichi che, pur avendo reso famoso il nostro Paese, oggi sembrano sempre più trascurati.

Ogni studente è supportato da un tutor che cerca di valorizzarne i talenti, cercando di costruire per lui un percorso “su misura” attraverso attività e progetti atti al raggiungimento dell’eccellenza individuale. Step fondamentali e messi in atto per prevenire le difficoltà della crescita e contrastare l’alto tasso di dispersione scolastica attraverso un contesto stimolante e creativo.


La Scuola Oliver Twist ha ottenuto lo statuto di scuola impresa per poter vendere sul mercato ciò che produce, inserendo obiettivi reali nel percorso di formazione, formula importante per coinvolgere i ragazzi.
“Spesso facciamo da ponte aiutando i ragazzi a mediare fra insegnanti, famiglie e mondo del lavoro”, dice Camilla, una dei tutor della scuola. “Siamo delle figure di riferimento che rinforzano le regole ma danno anche supporto e comprensione agli studenti che spesso hanno storie difficili alle spalle”.

Oggi i ragazzi formati nei corsi di servizio in sala possono far pratica in un bar didattico all’interno della scuola e in un catering esterno, quelli di falegnameria contribuiscono alla manutenzione del mobilio di resort sul lago di Como, compresa la famosa Villa d’Este. E hanno creato una linea d’arredamento col rovere recuperato dalle botti di vino dismesse che è stata presentata a Milano all’ultimo Fuori Salone.
“Mi piace studiare falegnameria perché vengo da Stignano”, dice uno studente incontrato nei corridoi, riferendosi a un paesino della val d’Intelvi, che vanta un’antica tradizione carnevalesca di maschere lignee. “Questa scuola è diversa dalle altre: è bella e ben attrezzata.”

“In questo percorso di formazione l’intento è aiutare ogni ragazzo a scoprire il valore del suo essere unico. Un’unicità che è fatta di conoscenze ma anche di capacità e abilità. Vogliamo ridare dignità all’intelligenza delle mani perché ogni giorno sperimentiamo che il “fare” genera un cammino originale e potentissimo verso la conoscenza e il “sapere”.” Afferma Erasmo Figini.

Un luogo dove tutti i percorsi formativi sono organizzati come Botteghe Artigianali, per permettere ai ragazzi di acquisire conoscenze e abilità in un contesto di formazione vicino a quello lavorativo. Ideare, progettare e valorizzare il talento individuale per costruire un futuro davvero possibile: questi gli obiettivi del progetto Lottomatica Seguiamo la Cometa, che supporta i ragazzi della Scuola Oliver Twist durante l’intero ciclo formativo per sostenerli passo a passo verso il futuro.

Condividi su