Educare per investire sul futuro delle nuove generazioni


Seguiamo la Cometa è il progetto Lottomatica ideato per sostenere i ragazzi della Scuola Oliver Twist durante l’intero ciclo formativo. Una partnership che unisce il know-how Lottomatica e l'esperienza trentennale di Cometa.

I

Il progetto Lottomatica: Seguiamo la Cometa

Una scuola d’eccellenza nata dall’accoglienza. Dal decidere di prendere in casa un bimbo sieropositivo rimasto orfano, al creare uno dei centri di formazione professionale più avanzati d’Italia, il passo è lungo e per niente scontato. Ma questo è quello che è successo a Erasmo Figini, da oltre trent’anni impegnato nella creazione di una rete a sostegno di famiglie e ragazzi in difficoltà.

Cometa nasce dall’amore per i ragazzi presi in affido, un amore pari a quello per i miei figli naturali”, sottolinea Figini, imprenditore tessile e fondatore di un’associazione no-profit dedita all’educazione con sede a Como. “Accogliere in famiglia quel bimbo abbandonato nel 1986, vederlo crescere e diventare una persona normale, ma eccezionale nella sua unicità, mi ha fatto riflettere su quel che si perde ogni volta che si lascia un giovane senza aiuto. Così, da un primo sì, ho cominciato a dirne tanti altri e, quasi senza rendermene conto, è nata Cometa”.


L’associazione oggi è una vera fucina dell’accoglienza che si occupa di oltre 1000 bambini e ragazzi, fra quelli affidati alle famiglie, quelli in affido diurno e quelli che frequentano le scuole di Cometa, i corsi sportivi o di reinserimento professionale. Figini ha trasformato la bella casa di famiglia, un’antica villa nello stile tipico del lago dove continua ad abitare, nel cuore pulsante di un grande centro di aggregazione per ragazzi. C’è l’edificio principale, attrezzato con un refettorio che ospita una tavola a ferro di cavallo in grado di sedere una cinquantina di persone.

Quando i ragazzi arrivano la prima volta, mi piace accoglierli servendo personalmente la colazione, perché devono sentirsi in famiglia.
Erasmo Figini | Fondatore di Cometa

Quello che un tempo era il giardino della villa, oggi ospita la Scuola Oliver Twist, con un liceo scientifico artigianale e tre corsi professionali di tessile, falegnameria e servizio in sala e bar. Un ristorante, un bar e alcune botteghe, che permettono di applicare ciò che si è appreso attraverso commesse reali. Un centro sportivo, e un ufficio che si occupa di accompagnare i giovani nel mondo del lavoro con un’equipe di educatori e tutor. L’offerta formativa è personalizzata secondo i bisogni di ciascuno perché eccellenza, secondo Figini, non significa raggiungere un obiettivo prefissato, ma trovare la vena giusta per esprimersi al meglio. Ed è sempre legata a esperienze pratiche. In questo, l’imprenditore ha avuto la fortuna di essere inserito in un contesto economico e sociale che ha saputo cogliere l’importanza del suo progetto: il budget è sostenuto per il 40% da fondi pubblici, per il 20% da introiti generati dalle attività dell’associazione e per il restante 40% da donazioni private, con decine di aziende che ogni anno offrono opportunità di tirocini agli studenti.

“Ogni azienda dovrebbe lavorare per costruire un futuro sostenibile, perché un sistema che non ha a cuore i propri giovani rischia di compromettersi da solo”, sottolinea Fabio Cairoli, amministratore delegato di Lottomatica che, attraverso il progetto Seguiamo la Cometa, supporta i ragazzi della Scuola Oliver Twist durante l’intero ciclo formativo, sino al primo approccio al mondo del lavoro, grazie ai servizi di orientamento pensati sulle esigenze di ciascuno, programmi di mentorship e corsi per l’acquisizione di soft skills, oltre a un programma di e-learning per diffondere il metodo didattico della scuola.

Collaborare con Cometa offre l’opportunità di dare un contributo concreto per costruire un’eccellenza pedagogica, ma anche una casa accogliente e inclusiva per i giovani a rischio di dispersione scolastica e sociale
Fabio Cairoli | CEO Lottomatica

Un progetto che, nel caso di Lottomatica, ben si lega a una più ampia filosofia aziendale, sviluppata in altre iniziative come Vincere da Grandi, che combatte l’esclusione sociale attraverso lo sport, e Generazione Cultura, che offre a neolaureati una spinta per lavorare nelle istituzioni che gestiscono il patrimonio culturale italiano. Perché un Paese che non investe sui giovani è un Paese che perde futuro.

Condividi su