PiùTuaRoma

16 – 26 Ottobre 2014

Scopri il fascino della città di Roma attraverso i numeri.

16 16 come il secolo in cui si è diffuso a Roma il fenomeno delle statue parlanti. Un'azione di ribellione che si manifestava con affissioni notturne su statue che sorgevano in luoghi frequentati della città.
6 Le parole che composero il famoso epigramma. Dopo la decisione di Papa Urbano VIII di togliere le parti bronzee del Pantheon, per realizzare il baldacchino di S. Pietro, il popolo sentenziò : "Quod non fecerunt barbari, fecerunt Barberini".

Le statue parlanti

Clicca su un numero per scoprire la curiosità

16 6
7 I colli di Roma, il Campidoglio è quello più legato agli avvenimenti storici della città. La leggenda narra che ai tempi della fondazione di Roma il colle fu conquistato dai Sabini grazie al tradimento della romana Tarpea in cambio di gioielli.
18 Il giorno di luglio in cui avvenne il celebre episodio del Campidoglio. I Romani furono sconfitti dai Galli che raggiunsero Roma, eccetto il Campidoglio. L'attacco notturno fu sventato dallo starnazzare delle oche nel recinto del tempio di Giunone.

La resistenza delle oche

Clicca su un numero per scoprire la curiosità

7 18

Valorizzazione

La tua città ha più valore grazie anche al Gioco del Lotto.

Abbazia di Fossanova, Priverno

L'abbazia, costruita sui ruderi di una villa romana, nasce come monastero benedettino e dal XII secolo diventa proprietà dei Cistercensi. Nel Duecento, Fossanova raggiunse il suo massimo splendore per poi avviarsi a un lento declino che si concluderà nell'Ottocento con la trasformazione dell'abbazia in borgo rurale. Dalla chiesa si accede al chiostro il cui lato meridionale è coperto con volte a crociera e presenta trifore e quadrifore costituite da colonnine e da elaborati capitelli, che incorniciano il padiglione del lavabo.

Chiesa del Gesù

È la chiesa gesuita per eccellenza, voluta da S. Ignazio di Loyola, che qui è sepolto. La costruzione dell'interno fu guidata dal concetto della chiesa medioevale, con la navata allungata ad esaltare l'altare, mentre l'assenza di colonne crea una grande aula che favorisce la partecipazione dei fedeli. Il rigore e l'essenzialità del progetto originario sono nascosti dalle seicentesche decorazioni plastiche e pittoriche. La volta affrescata è un capolavoro di illusionismo prospettico.Il modello della Chiesa del Gesù, rispondendo ai canoni architettonici suggeriti dal concilio di Trento, venne preso ad esempio ed esportato dai gesuiti in tutta Europa.