La Comunità di Sant’Egidio e i disabili mentali

L’impegno della Comunità di Sant’Egidio con le persone con disabilità è cominciato a Roma quarant’anni fa con i doposcuola e le Scuole di Pittura e si è esteso progressivamente a molte altre città d’Italia e d’Europa. Tra i molti bambini con difficoltà scolastiche che frequentavano negli anni 70 i doposcuola e le Scuole di Pittura gratuiti nelle periferie di Roma, alcuni avevano una disabilità mentale e spesso finivano per abbandonare la scuola.

 

I laboratori d’arte sostenuti da Lottomatica

Le “Scuole di Pittura” di quarant’anni fa sono diventati i Laboratori d’Arte di oggi. In questi luoghi formativi, non c’è solo l’apprendimento delle tecniche artistiche, ma c ci sono anche l’apertura al mondo, la costruzione di relazioni e di comunicazione. Le persone coinvolte negli anni hanno rivelato in modo sempre più evidente una profonda capacità di comprensione della realtà, un proprio giudizio, pensiero e sguardo sul mondo. 

 

…. Ma quanto costano i laboratori?

Tutti i Laboratori d’arte, nello spirito della Comunità, sono caratterizzati dalla gratuità: le persone con disabilità vi accedono gratuitamente e gli operatori vi lavorano a titolo totalmente gratuito.

 

… Ma come si lavora nei laboratori?

I laboratori di arte contemporanea lavorano seguendo un approccio multidisciplinare e prevedono la presenza di artisti contemporanei con artisti disabili. Sono inoltre previsti seminari e soggiorni estivi con corsi di formazione per gli artisti disabili inseriti nel progetto.

 

Destinatari

I destinatari di queste azioni sono almeno 200 persone con disabilità mentale, con particolare attenzione a quelle in stato di disagio socio-familiare, che sono coinvolte nelle attività artistiche dei Laboratori. 

 

Qualche numero

730 persone disabili in 14 Laboratori d’arte in 5 regioni solo nel 2016 hanno partecipato al progetto.





Dalle periferie al Quirinale: le mostre degli artisti disabili

Negli ultimi anni i Laboratori d’Arte si sono aperti all’incontro con artisti contemporanei: l’incontro dialogico e formativo con gli artisti contemporanei ha coinvolto gli artisti e i laboratori d’arte, potenziando il lavoro di trasformazione sociale e culturale del mondo circostante e l’azione dei laboratori verso una liberata creatività. Si inseriscono in questo nuovo percorso la mostra “Noi, l’Italia” esposta al Quirinale in occasione dei 150 anni dell’Unità d’Italia, insieme all’artista Anton Roca (2011), e la partecipazione alla 55° Biennale di Venezia con lo special project “I/O è un altro”, dell’artista italo-brasiliano César Meneghetti (2013). Non mancano, inoltre, le mostre territoriali presso i Laboratori d’Arte di Roma o le esposizioni pubbliche cittadine presso Hub Culturale – Moby Dick e il Policlinico A. Gemelli di Roma. Nei vari laboratori, inoltre, vengono periodicamente realizzate







http://www.santegidio.org/