Friuli Venezia Giulia

AREA ARCHEOLOGICA
Via Giulia Augusta
Aquileia (UD)





La città romana di Aquileia è importante non solo per il suo grande valore archeologico, ma anche per il buono stato di conservazione dei monumenti, quasi tutti visibili.
Gran parte della città romana, su cui è stata edificata quella moderna, non è stata ancora esplorata completamente. Gli scavi, cominciati nel XIX secolo, hanno portato alla luce una parte del foro, il mercato, due nuclei insediativi e un complesso termale. All'esterno sono stati rinvenuti i resti di una necropoli, un anfiteatro, un circo, nonché le rovine della zona portuale. Il foro, la parte più nobile della città romana, era collocato al centro, all'incrocio tra le due strade principali, il cardo e il decumano. Databile al II-III secolo, possiede una pianta rettangolare ed è interamente lastricato in pietra carsica. Nel centro del borgo è tornata alla luce una basilica fondata nel V secolo. L'ampia costruzione a pianta rettangolare conserva ancora il mosaico pavimentale del V secolo.

Da visitare perché
L'area archeologica, rinvenuta in ottime condizioni, possiede un notevole valore storico.

………………………………………………………………………………………………

Nonostante i rimaneggiamenti, il duomo conserva le originarie forme gotiche trecentesche. Edificato a partire dal 1236 circa, fu rimaneggiato dal 1335 in poi e concluso agli inizi del XVI secolo.
La facciata in cotto è a tre spioventi. Al di sopra del portale centrale vi sono delle decorazioni scultoree rappresentanti il Presepio, la Crocifissione e la Resurrezione. La parte superiore della facciata è ornata da una serie di eleganti archeggiature. L’interno a croce latina, è suddiviso in tre navate da pilastri con cappelle laterali comunicanti. In una delle cappelle è esposta la SS.Trinità di G.B.Tiepolo. Il presbiterio, in stile barocco, è ornato sfarzosamente con stucchi, pitture e statue di vari artisti il duomo è affiancato da un campanile incompiuto eretto in laterizi dal 1441 al 1450.

Da visitare perché
Rappresenta un interessante esempio di architettura gotica. All'interno vanta esempi di pittura di G.B.Tiepolo.

Il restauro
Con i finanziamenti del Gioco del Lotto è stato possibile effettuare interventi di restauro e consolidamento della struttura..

DUOMO
Piazza del Duomo
Udine

………………………………………………………………………………………………

CASTELLO DI MIRAMARE
PARCO
Viale Miramare
Trieste






Il Castello di Miramare fu costruito su progetto di Karl Junker tra il 1856 e il 1860, per volere di Massimiliano di Asburgo, fratello minore dell'imperatore austriaco Francesco Giuseppe e futuro imperatore del Messico.
E' un edificio in stile eclettico, che conserva gli arredi e le decorazioni originali dell'epoca in un'atmosfera che unisce stile mediterrraneo e suggestioni nordiche. All'interno si visitano gli appartamenti di Massimiliano e di sua moglie Carlotta del Belgio, le stanze destinate agli ospiti, la sala didattica con la storia della costruzione del castello e del parco, l'appartamento abitato dal Duca Amedeo d'Aosta con arredi risalenti al 1930 in stile razionalista.
Il parco, che si estende per 22 ettari sulla riva del mare, offre una passeggiata botanica di notevole interesse e un'importante raccolta di sculture a decorazione di molti vialetti. All'origine il promontorio del parco era privo di vegetazione, ma vi furono piantate numerose essenze botaniche di origine tropicale.
Da visitare: le Scuderie, edificio restaurato di recente e oggi destinato a mostre temporanee; le Antiche Serre; il Castelletto che conserva parte della decorazione originale ancora presente al primo piano.

Da visitare perché
E' una residenza ottocentesca perfettamente conservata: la casa dei giorni felici di Massimiliano d'Asburgo e Carlotta del Belgio.