Io gioco con l’Arte – Impressionisti Tètè a tètè

15 e 29 novembre 2015 – Complesso del Vittoriano, Roma

A TU PER TU CON GLI IMPRESSIONISTI
Domenica 15 e 29 novembre, in occasione della mostra «Dal Musèe d’Orsay. IMPRESSIONISTI Tètè a tètè», Il Gioco del Lotto ha offerto due intere giornate alla scoperta degli impressionisti con un’iniziativa speciale pensata proprio per le famiglie: Laboratorio DAY Io gioco con l’Arte, dal titolo A tu per tu con gli Impressionisti.
E mentre i bambini scoprivano da vicino i capolavori di questa straordinaria rassegna, i genitori hanno potuto partecipare gratuitamente alla visita guidata della mostra.

Il Gioco del Lotto ha offerto anche due serate dell'arte con ingresso gratuito alla mostra.

Laboratorio per bambini dai 5 ai 6 anni
Dove ci troviamo? Che cos’è un museo? Che cos’è un’opera d’arte? Avete mai visto un’opera d’arte? Chi la realizza? Queste ed altre riflessioni sono state il punto di partenza dei laboratori per i più piccini che sono stati poi guidati in una breve visita della mostra attraverso tre tappe, durante le quali hanno osservato tre ritratti significativi e successivamente hanno dovuto individuarne caratteristiche comuni e differenze.
I piccoli artisti, una volta in laboratorio, hanno poi giocato a vestirsi da pittore impressionista con scoppola, tavolozza, pennelli e foulard!
Il percorso ludico-didattico ha impegnato quindi i bambini in un lavoro di collage di sagome: ritagli in bianco e nero di volti, vestiti, accessori e sfondi, sono stati composti per dar vita ad un originalissimo ritratto d'artista da colorare.

Laboratorio per bambini dai 7 ai 10 anni
I più grandi si sono confrontati con i famosi ritratti realizzati dai pittori impressionisti con uno stile innovativo e non convenzionale. Attraverso una modalità interattiva, ciascun bambino, dotato di una cartellina con cornice e matita e alcuni tratti abbozzati di impostazione figurativa, ha potuto creare un ritratto del tutto originale inserendo dettagli colti strada facendo di fronte alle opere osservate come posture, sfondi e personaggi. Alla fine del percorso ha potuto colorare il suo capolavoro con colori a pastello.