Mostra "Anni ’70. L'arte a Roma"

1140x300
13 dicembre 2013 –2 marzo 2014 – Palazzo delle Esposizioni, Roma


LA MOSTRA
IL GIOCO DEL LOTTO ha sostenuto la mostra "Anni'70. L'arte a Roma", allestita a Roma al Palazzo delle Esposizioni e dedicata a un decennio storicamente controverso, ma anche ricco e vitale dal punto di vista artistico e culturale. Proprio negli anni '70, Roma è sede privilegiata per un eccezionale numero di artisti e per l'attività di gallerie e associazioni culturali che hanno avuto un ruolo decisivo nel promuovere e accogliere l'arte contemporanea italiana e internazionale, dando spazio a dibattiti, performance, dialoghi fra pubblico e autori. Protagoniste dell'intero percorso espositivo le opere, provenienti da collezioni pubbliche e private, di tutti quegli artisti romani, ma anche non romani e stranieri, che nel corso del decennio soggiornarono ed esposero a Roma. Dall'Arte Povera a quella Concettuale, dalla Pittura Analitica alla Transavanguardia, la molteplicità dei linguaggi espressivi che hanno caratterizzato gli anni'70 a Roma erano tutti presenti in mostra con 200 opere di 90 artisti italiani e internazionali.


LO SAI CHE...

  • L'importanza di Roma negli anni settanta si deve all'attività di gallerie e associazioni culturali che hanno svolto un ruolo decisivo nel promuovere e accogliere l'arte contemporanea italiana e internazionale, L'Attico di Fabio Sargentini, La Tartaruga di Plinio De Martiis, La Salita di Gian Tomaso Liverani, gli Incontri Internazionali d'Arte fondati nel 1970 da Graziella Lonardi Buontempo e diretti da Achille Bonito Oliva, Gian Enzo Sperone e Konrad Fischer, Massimo D'Alessandro e Ugo Ferranti e molte altre.
  • La mostra ha dedicato ampio spazio alla fotografia, sia come espressione d’arte, sia come insostituibile documentazione, e ai nuovi linguaggi, come quello della video arte.
  • Ogni sala della mostra è stata composta rintracciando un fil rouge, non un tema, ma di volta in volta una disciplina, un pensiero, una parola chiave, un'intuizione presa a prestito da un critico o il titolo di un lavoro. Il loro succedersi ha determinato una scansione temporale dividendo la mostra in due parti corrispondenti alla prima e alla seconda metà del decennio.

DIAMO I NUMERI

‘70: il decennio protagonista della mostra
2 marzo: l'ultimo giorno per visitare la mostra
76: i giorni a disposizione per visitare la mostra
90: gli artisti presenti con le loro opere
17
dicembre: il giorno d'inizio dell'esposizione