Il progetto Mosè, una storia da riscoprire

EVENTI

Un nuovo restauro, una nuova storia da raccontare

Ogni restauro del Mosè è una nuova occasione per scoprire le tecniche e lo stile del capolavoro di Michelangelo. Antonio Forcellino, già restauratore del Mosè di Michelangelo nel 2001, ci guida alla scoperta di quest'opera senza tempo in un video racconto denso di fascino.

Vivilo in prima persona.


    
  •   

“Nel 2015, a quindici anni dalla conclusione della pulitura del Mosè nella sua parte superiore -racconta Antonio Forcellino-, i marmi apparivano di nuovo completamente ricoperti da uno strato di polvere scura che li rendeva illeggibili e che provocò le rimostranze di molti visitatori”.

“Non solo la raffinata scultura michelangiolesca risultava mortificata dallo strato di polvere che uniformava i dettagli plastici delle sculture e le ombre leggere e seducenti create dallo scalpello -prosegue Forcellino-, ma la polvere accumulata sui piani orizzontali era talmente evidente da conferire al monumento intero un aspetto di incuria e abbandono”.

Lottomatica ha deciso di tornare a prendersi cura del capolavoro di Michelangelo con un nuovo progetto di restauro.

Scopri le tecniche del restauro

La pulitura, iniziata nel luglio 2016, è stata operata in due fasi distinte. Una prima fase di spolveratura con pennelli di setola e aspiratore meccanico ha permesso di rimuovere il grosso dei depositi incoerenti e dei detriti più corposi.


La pulitura vera e propria è stata effettuata con impacchi di carta e acqua distillata, tenuti a contatto dei marmi per un tempo variabile tra i cinque e i venti minuti. L'acqua distillata ha un potere solvente leggermente superiore all'acqua di rete e permette di indebolire lo strato di sudicio accumulato sui marmi.


Dopo di che si è passati alla rimozione definitiva degli strati di sudicio con batuffoli di cotone idrofilo anch'essi imbevuti in acqua distillata. Questo tipo di azione permette di asportare la parte più tenace dei depositi, lasciando intatta la patina dei marmi sottostanti ed evitando quegli sbiancamenti e quelle crudezze che possono compromettere la sua futura conservazione.


Questo tipo di pulitura è anche legata alla sensibilità del restauratore che deve individuare le alterazioni superficiali del marmo che interferiscono con la sua leggibilità e dunque con il raffinato lavoro dell'artista. La scultura dell'ultimo Michelangelo si avvale infatti di leggerissimi passaggi chiaroscurali che rischiano di venire alterati proprio dagli strati di sporco depositati nel tempo.


LE SCOPERTE
DEL RESTAURO
RASSEGNA
STAMPA
TORNA ALLA
PAGINA PRINCIPALE